I commenti sono off per questo post

Il significato della sua nascita

F585F768-4A38-4C58-8AD5-775DC0AB7F15

Natale. La nascita di Gesù. Che cosa significa tutto questo? Ogni anno vediamo il presepe. Ma chi è questo bambino che dorme in una mangiatoia?

Il mondo risponde a questa domanda in modi diversi. Alcuni dicono che Gesù Bambino è un simbolo universale di pace. Addormentato nella mangiatoia, il bambino rappresenta il modo in cui dovremmo vivere: gentile, mite e innocente. Per molti che interpretano la nascita di Gesù in questo modo, il vangelo di Luca non è altro che un potente mito, progettato per insegnarci una buona lezione
morale.

Altri, però, dicono che la nascita di Gesù indica la nascita di un grande uomo. Dicono che Gesù era un insegnante importante e una guida morale, ma non era Dio nella carne. Secondo questo punto di vista, dovremmo semplicemente ricordare Gesù e cercare di essere come lui. A Natale lo ricordiamo e diciamo, “Auguri! Buon compleanno Gesù!”

Altri dicono che Gesù rappresenta uno dei tanti percorsi spirituali che conducono a Dio. In questa interpretazione, tutte le religioni sono praticamente le stesse. Tutti hanno lo stesso obiettivo, che è la trasformazione personale. Il cristianesmo è semplicemente una versione.

Ma cosa dice la Bibbia di questo bambino nella mangiatoia? In che modo Luca risponda a questa domanda?

Dio ci dà la risposta in Luca 2:10-12. Un angelo del Signore si presentò ad alcuni pastori semplici e non sofisticati che stavano nei campi e di notte facevano la guardia al loro gregge. La gloria del Signore risplendé intorno a loro e l’angelo disse loro, “Non temete, perché io vi porto la buona notizia di una grande gioia che tutto il popolo avrà: ‘Oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo, il Signore.”

Ecco perché Gesù nacque! Ecco perché Dio diventò un uomo vero! Venne per essere un Salvatore! Non un tipo di salvatore come Cesare Augusto: non un salvatore politico o un salvatore finanziario. Invece, Cristo è un Salvatore da ciò di cui abbiamo più bisogno di essere salvati: Satana, la morte e l’ira di Dio.

Cristo è il salvatore che ha promesso ad Adamo ed Eva che avrebbe schiacciato la testa del serpente e avrebbe aperto la strada verso l’Albero della Vita. È l’intero argomento della Bibbia ed è l’intera ragione per cui alla storia umana fu permesso di continuare dopo la caduta di Adamo. Venne per mettere la pace tra un Dio santo e un uomo peccatore.

Ecco perché Gesù nacque! Ecco perché il Figlio di Dio diventò un uomo vero! Gesù nacque in questo mondo perché, come confessiamo nel Catechismo di Heidelberg Domanda 11, “la giustizia di Dio esige che il peccato, che è commesso contro la sua altissima maestà, sia punito di una punizione suprema, ossia di una pena eterna di corpo e anima.” Il nostro problema, però, è che non possiamo procurare noi stessi questa soddisfazione. “Al contrario, ogni giorno aumentiamo la nostra colpevolezza.”

Potremmo fare mille buoni proposti per l’anno nuovo e mantenerli tutti, ma ciò non basterebbe a renderci giusti dinanzi a Dio. Potresti diventare la persona più gentile, generosa e amorevole del pianeta, ma ancora non sarebbe abbastanza buono per entrare paradiso, perché tutti noi abbiamo il problema del peccato. “Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio,” come l’apostolo Paolo ci dice in Romani 3. “Non c’è nessun giusto, neppure uno…e non conoscono la via della pace.” Non abbiamo amato il Signore nostro Dio con tutto il nostro cuore, con tutta la nostra anima e con tutta la nostra mente. Non abbiamo amato il nostro prossimo come noi stessi. Questo è ciò che la Bibbia chiama peccato. E perché Dio è giusto, deve punire il nostro peccato. Le richieste della sua giustizia devono essere soddisfatte! Questo è il nostro più grande problema!

Ma Dio, che è ricco in misericordia, per il grande amore con cui ci ha amati, ha inviato la soluzione al nostro più grande problema. La buona notizia non è che Gesù è un potente mito, progettato per insegnarci solo una buona lezione morale. La buona notizia non è che Gesù e solo un insegnante importante e una guida morale. La buona notizia non è che Gesù è uno dei tanti percorsi spirituali che coducono a Dio. Anzi, la buona notizia è che possiamo avere “pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore.”

Ecco perché una moltitudine dell’esercito celeste lodava Dio e diceva, “Gloria a Dio nei luoghi altissimi e pace in terra agli uomini che egli gradisce!” Quelli che Dio a gradisce sono tutti quelli che ripongono la loro fiducia in suo Figlio, il Signore Gesù Cristo.

Al di fuori di Cristo, è impossibile avere pace con Dio. Al di fuori di Cristo, siamo nemici di Dio e sotto la sua ira, perché siamo peccatori. Ecco perché i nostri progenitori – Adamo ed Eva – sono fuggiti dalla presenza di Dio dopo aver peccato. Non c’era pace tra loro e Dio. Sono diventati nemici di Dio e l’oggetto della sua ira. Se non fosse stato per la grazia e la misericordia di Dio, sarebbero stati distrutti. Se non fosse stato per la promessa di Dio nel mandare un Campione, un Salvatore, nessuno avrebbe avuto pace con Dio.

Ma Cristo è venuto per fare pace. Ha fatto pace attraverso la sua vita, morte e risurrezione. Ha amato veramente il Padre con tutto il cuore, l’anima e la mente. Ha guadagnato la giustizia che ci serviva rimanendo perfettamente obbediente alla legge di Dio tutti i giorni della sua vita. Come Paolo ha detto in 2 Corinzi 5: “colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui”. Sulla croce, il nostro peccato è stato messo su di lui e in cambio abbiamo ricevuto la sua giustizia.

Adesso, tutti quelli che credono in Cristo, hanno pace con Dio. Romani 5:1 ci dice: “Giustificati dunque per fede, abbiamo pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore.” Questa è la grande gioia del Natale! Ecco perché i credenti possono rallegrarsi e dire veramente “Auguri! Cristo è nato!”

Conosci questa gioia? Hai pace con Dio? Hai riposto la tua fiducia in Cristo? Non ritardare! Corri a Cristo! Fuggi da lui! Ricevi questo dono solo per fede! La promessa di Dio è “se con la bocca avrai confessato Gesù come Signore e avrai creduto con il cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato.” Non ti dice: “Mostrami che mi ami veramente e poi ti riscatto.” Non ti dice: “Ripulisci la tua vita e cambia, e poi ti salverò.” No, la Bibbia afferma l’esatto opposto. Paolo dice in Romani 5: “Infatti, mentre noi eravamo ancora senza forza, Cristo, a suo tempo, è morto per gli empi…mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.”

Capisci perché dovremmo rallegrarci a Natale? Per tutti quelli che si fidano di lui, rallegriamoci sempre nel Signore perché la nostra posizione in Lui è sempre al sicuro e non cambia mai. Questa è una buona notizia che possiamo godere ogni giorno! Cristo ha messo pace tra noi e Dio! Possiamo godere la pace di Dio perché abbiamo pace con Dio.

O carissimi, rallegriamoci nel Signore! Buon Natale!

~ Rev. Michael Brown