Un avvertimento a non innalzarci davanti a Dio

Isaia 14:3-23

3Il giorno che il Signore ti avrà dato riposo dal tuo affanno, dalle tue agitazioni e dalla dura schiavitú alla quale eri stato assoggettato,
tu pronunzierai questo canto sul re di Babilonia e dirai:
4«Come! Il tiranno è finito? È finito il tormento?
5Il Signore ha spezzato il bastone degli empi, lo scettro dei despoti.
6Colui che furiosamente percoteva i popoli con colpi senza tregua, colui che dominava rabbiosamente sulle nazioni, è inseguito senza misericordia.
7Tutta la terra è in riposo, è tranquilla, la gente manda grida di gioia.
8Perfino i cipressi e i cedri del Libano si rallegrano a motivo di te. “Da quando tu sei atterrato”, essi dicono, “il boscaiolo non sale piú contro di noi”.
9Il soggiorno dei morti, laggiú, si agita per te, per venire a incontrarti al tuo arrivo; esso sveglia per te le ombre, tutti i príncipi della terra; fa alzare dai loro troni tutti i re delle nazioni.
10 Tutti prendono la parola e ti dicono: «Anche tu dunque sei diventato debole come noi? Anche tu sei divenuto dunque simile a noi?»
11 Il tuo fasto e il suono dei tuoi saltèri sono stati fatti scendere nel soggiorno dei morti; sotto di te sta un letto di vermi, e i vermi sono la tua coperta.
12 Come mai sei caduto dal cielo, astro mattutino, figlio dell’aurora? Come mai sei atterrato, tu che calpestavi le nazioni?
13 Tu dicevi in cuor tuo: «Io salirò in cielo, innalzerò il mio trono al di sopra delle stelle di Dio; mi siederò sul monte dell’assemblea, nella parte estrema del settentrione;
14 salirò sulle sommità delle nubi, sarò simile all’Altissimo».
15 Invece ti hanno fatto discendere nel soggiorno dei morti, nelle profondità della fossa!
16 Coloro che ti vedono fissano in te lo sguardo, ti esaminano attentamente, e dicono: «È questo l’uomo che faceva tremare la terra, che agitava i regni,
17 che riduceva il mondo in un deserto, ne distruggeva le città, e non rimandava mai liberi a casa i suoi prigionieri?»
18 Tutti i re delle nazioni, tutti quanti riposano gloriosi, ciascuno nella propria casa;
19 ma tu sei stato gettato lontano dalla tua tomba come un rampollo abominevole coperto di uccisi trafitti con la spada, calati sotto i sassi della fossa, come un cadavere calpestato.
20 Tu non sarai riunito a loro nella sepoltura, perché hai distrutto il tuo paese, hai ucciso il tuo popolo; della razza dei malfattori non si parlerà mai piú.
21 Preparate il massacro dei suoi figli, a causa della *iniquità dei loro padri! Che non si rialzino piú a conquistare la terra, a riempire il mondo di città!
22 «Io sorgerò contro di loro», dice il Signore degli eserciti; «sterminerò di Babilonia il nome, i superstiti, la razza e la discendenza», dice il Signore.
23 «Ne farò dominio del porcospino, un luogo di paludi, la spazzerò con la scopa della distruzione», dice il Signore degli eserciti.